Dio è sovrano ed ha tutto sotto controllo


Secondo l’insegnamento della sacra Scrittura, Dio è sovrano ed ha il controllo di tutto ciò che accade nel mondo sia in bene che in male. Quindi anche le tragedie, le sciagure e le calamità avvengono per il volere di Dio. Infatti come dice il profeta Amos: “La tromba suona essa in una città, senza che il popolo tremi? Una sciagura piomba ella sopra una città, senza che l’Eterno NE SIA L’AUTORE?”  (Amos 3:6)

Questo concetto è ancora più chiaro se si legge la dichiarazione che Dio fa in Isaia 45:7.

“io formo la luce, creo le tenebre, do il benessere, CREO L’AVVERSITÀ; io, l’Eterno, SON QUEGLI CHE FA TUTTE QUESTE COSE.” (Isaia 45:7)

Dio è Colui che dà il benessere ma anche Colui che crea l’avversità. Di conseguenza Dio è l’autore di ogni calamità che avviene sulla terra. Da Lui proviene sia il bene che il male, secondo quanto scritto nel libro delle Lamentazioni: “Chi mai dice una cosa che s’avveri, se il Signore non l’ha comandato? IL MALE ed il bene non procedon essi DALLA BOCCA DELL’ALTISSIMO?” (Lamentazioni 3:37-38).

Se avviene il bene agli uomini è perché Dio ha stabilito questo e così anche se avviene il male. Non cambia nulla. Dio è sovrano ed onnipotente ed “egli fa tutto ciò che gli piace” (Salmo 115:3) “in cielo e in terra, nei mari e in tutti gli abissi” (Salmo 135:6).

Nel libro del Deuteronomio si legge anche che Dio è Colui che fa vivere e morire: “Ora vedete che io solo son Dio, e che non v’è altro dio accanto a me. IO FO MORIRE e fo vivere, FERISCO e risano, e non v’è chi possa liberare dalla mia mano.” (Deuteronomio 32:39)

Anche nel primo libro del profeta Samuele si legge che Dio è Colui che fa vivere e che fa anche morire: “L’Eterno FA MORIRE e fa vivere; fa scendere nel soggiorno de’ morti e ne fa risalire.” (1 Samuele 2:6)

Dio si può servire del male per portare avanti il Suo piano, che “è quello che sussiste” (Proverbi 19:21). Infatti il Signore può mandare anche spiriti maligni affinché mettano in atto la Sua volontà: “Or lo spirito dell’Eterno s’era ritirato da Saul, ch’era turbato da un cattivo spirito SUSCITATO DALL’ETERNO.” (1 Samuele 16:14)

Sebbene Dio “non può esser tentato dal male, né Egli stesso tenta alcuno” (Giacomo 1:13) il Signore può anche servirsi di spiriti cattivi perché tentino e portino le persone a peccare, secondo che è scritto:

“E l’Eterno disse: – CHI SEDURRÀ Achab affinché salga a Ramoth di Galaad e vi perisca? – E uno rispose in un modo e l’altro in un altro. Allora si fece avanti uno spirito, il quale si presentò dinanzi all’Eterno, e disse: – Lo sedurrò io. – L’Eterno gli disse: – E come? – Quegli rispose: – Io uscirò, e sarò spirito di menzogna in bocca a tutti i suoi profeti. – L’Eterno gli disse: – Sì, riuscirai a sedurlo; esci, E FA COSÌ. – Ed ora ecco che l’Eterno HA POSTO UNO SPIRITO DI MENZOGNA in bocca a tutti questi tuoi profeti; ma l’Eterno HA PRONUNZIATO DEL MALE CONTRO DI TE’.” (1 Re 22:20-23)

Nonostante siano gli spiriti maligni mandati da Dio a sedurre le persone, la seduzione viene attribuita anche al Signore, come infatti è scritto: “E se il profeta si lascia sedurre e dice qualche parola, io, l’Eterno, SONO QUEGLI CHE AVRÒ SEDOTTO quel profeta; e stenderò la mia mano contro di lui, e lo distruggerò di mezzo al mio popolo d’Israele” (Ezechiele 14:9).

Ma perché Dio agisce in questo modo? Perché vuole metterci alla prova per vedere se Lo amiamo con tutto il nostro cuore. Infatti egli può anche mandare dei falsi profeti in mezzo al Suo popolo per vedere chi rimane fedele a Dio e chi invece si fa trascinare nell’errore: “Quando sorgerà in mezzo a te un profeta o un sognatore che ti mostri un segno o un prodigio, e il segno o il prodigio di cui t’avrà parlato succeda, ed egli ti dica: ‘Andiamo dietro a dèi stranieri (che tu non hai mai conosciuto) e ad essi serviamo’, tu non darai retta alle parole di quel profeta o di quel sognatore; perché l’Eterno, il vostro Dio, VI METTE ALLA PROVA per sapere se amate l’Eterno, il vostro Dio, con tutto il vostro cuore e con tutta l’anima vostra.” (Deuteronomio 13:1-3)

E può anche mandare degli spiriti seduttori in mezzo al Suo popolo come punizione per l’infedeltà dei credenti: “Or l’Eterno s’accese di nuovo d’ira contro Israele, ed INCITÒ Davide contro il popolo, dicendo: ‘Va’ e fa’ il censimento d’Israele e di Giuda’” (1 Samuele 24:1). In altro luogo invece è scritto: “Or Satana si levò contro Israele, e incitò Davide a fare il censimento d’Israele” (1 Cronache 21:1). Vediamo che in realtà è stato Satana, l’avversario di Dio e dei credenti a sedurre Davide e questo perché Dio lo ha permesso, come infatti permise a Satana di tentare Giobbe togliendogli ricchezze, bestiame, servi e figli e anche di colpirlo con un’ulcera maligna (cfr. Giobbe 1-2). Dietro ad ogni sua disavventura Giobbe vide chiaramente la mano di Dio ed infatti non disse “Il Signore ha dato e il diavolo e i miei nemici ora hanno tolto” ma “l’Eterno HA DATO, l’Eterno HA TOLTO; sia benedetto il nome dell’Eterno’” (Giobbe 1:21) e questo perché comprendeva chiaramente la sovranità di Dio.

Quindi il male che avviene agli uomini sulla terra è segno del permesso divino. Ricordiamoci anche della storia di Giuseppe venduto dai fratelli per invidia. Cosa disse Giuseppe ai Suoi fratelli che lo riconobbero? “Voi avevate pensato del male contro a me; ma Dio ha pensato di CONVERTIRLO IN BENE, per compiere quello che oggi avviene: per conservare in vita un popolo numeroso” (Genesi 50:20). Dio ha permesso che accadesse del male a Giuseppe, affinché diventasse il secondo uomo più grande d’Egitto subito dietro a Faraone e perché il popolo di Dio potesse sopravvivere alla carestia che infieriva su tutta la terra.

Quando gli uomini compiono il male Dio non sta operando dentro di loro ma è l’inclinazione malvagia ed il peccato dell’uomo che agisce in loro. Mentre quando gli uomini fanno ciò che è buono agli occhi di Dio, il Signore è “quel che opera [in loro]… il volere e l’operare, per la sua benevolenza” (Filippesi 2:13). Dio sta dietro al bene causandolo in maniera diretta e sta anche dietro al male causandolo in maniera indiretta attraverso degli agenti secondari.

Il male accade anche per via dei giudizi di Dio che sono l’espressione del Suo carattere giusto e santo. La manifestazione della giustizia di Dio glorifica il Suo nome. Nel libro dell’Esodo troviamo infatti scritto: “E io indurerò il cuor di Faraone, ed egli li inseguirà; ma io TRARRÒ GLORIA da Faraone e da tutto il suo esercito, e gli Egiziani sapranno che io sono l’Eterno’” (Esodo 14:4).

Similmente è scritto nel libro del profeta Ezechiele: “Così parla il Signore, l’Eterno: Eccomi contro di te, o Sidon! e IO MI GLORIFICHERÒ in mezzo di te: e si conoscerà che io sono l’Eterno, quando AVRÒ ESEGUITI I MIEI GIUDIZI contro di lei, e mi sarò santificato in lei.” (Ezechiele 28:22)

La Bibbia dice chiaramente che il fine ultimo del male è la magnificazione della gloria di Dio. Infatti il peccatore esiste per la gloria di Dio: “L’Eterno ha fatto OGNI COSA PER UNO SCOPO; anche l’empio, per il dì della sventura.” (Proverbi 16:4)

Paolo spiega bene questo concetto nella sua epistola ai Romani: “E che v’è mai da replicare se Dio, volendo mostrare la sua ira E FAR CONOSCERE LA SUA POTENZA, ha sopportato con molta longanimità de’ vasi d’ira preparati per la perdizione, e se, PER FAR CONOSCERE LE RICCHEZZE DELLA SUA GLORIA verso de’ vasi di misericordia che avea già innanzi preparati per la gloria.” (Romani 9:22-23)

Credere dunque che il male sia fuori dal controllo di Dio o che Dio non si serva anche del male per portare avanti il Suo disegno divino, significa spogliarLo della Sua sovranità e della gloria che a Lui solo spetta. Significa anche innalzare l’uomo e detronizzare Dio visto che si mostrerebbe un Dio debole ed incapace di fermare il male che compiono gli uomini, mentre noi sappiamo benissimo che “non v’è alcuno che possa fermare la sua mano o dirgli: – Che fai? -” (Daniele 4:35).

A Dio Onnipotente siano la lode, l’onore, la gloria, la maestà, la potenza, il culto ed il regno ora e per tutti i secoli de’ secoli. Amen

Gianluca Colucci

Precedente Gli Illuminati e il Nuovo Ordine Mondiale Successivo Digiunare: perché è biblico e i suoi vantaggi